SCUOLA TIANDIHE

Arti Marziali, Musica e Meditazione

Site logo

Unione di cielo e terra




Jul 2018
Jun 2018
May 2018
Apr 2018
Nov 2017
Oct 2017
Sep 2017
Jun 2017
May 2017
Apr 2017
Feb 2017
Jan 2017
Dec 2016
Nov 2016
Oct 2016
Aug 2016
Apr 2016
Mar 2016
Feb 2016
Dec 2015
Oct 2015
Jul 2015
Jun 2015
May 2015
Apr 2015
Dec 2014
Nov 2014
Oct 2014
Jul 2014
Jun 2014
May 2014
Apr 2014
Jan 2014
Sep 2013
May 2013
Dec 2012
Feb 2012
Jul 2011
ingegneria genetica

CRISPR L'inizio della fine

Charpentier e Doudna

Guardate le due belle signore nella foto. Non si tratta di una modella e della sua stilista, ma di due scienziate. Quella di destra, la “bionda” è americana e si chiama Doudna, quella di sinistra, la “mora” è tedesca e si chiama Charpentier. Sono le pioniere di CRISPR, una tecnologia di ingegneria genetica rivoluzionaria che ha scosso la comunità scientifica e che viene definita lo stunami della biologia.
CSISPR nasce dalla ricerca di base: i batteri sono i più grandi manipolatori genetici esistenti e studiandoli si è capito come fanno, da miliardi di anni, ad alterare il Dna dei virus batteriofagi, i loro tradizionali nemici. Una volta capito il meccanismo viene naturale applicarlo in altri contesti; è quello che viene definito il potere euristico della scienza: da scoperta nasce scoperta, una porta apre nuove porte.
Da due anni però Doudna non riesce più a dormire, e la capisco!
Personalmente, avendo un piede nel mondo moderno-scientifico e l’altro nel mondo antico-spirituale, trovo ironico che l’inizio della fine avvenga proprio per mano di donna.
Cosa c’è di rivoluzionario in CRISPR? Fino ad ora ci volevano mesi, se non anni, di duro lavoro per ottenere organismi geneticamente modificati e lo si faceva inserendo frammenti di Dna da un organismo ad un altro. Con questa tecnica invece basta solo qualche giorno ed è possibile manipolare direttamente il Dna, senza giocare più al collage fra diversi organismi.
I batteri sono stati proprio dei grandi maestri.
Ma la vera rivoluzione è l’efficienza di CRISPR ed i suoi costi. Finora la ricerca sulla manipolazione genetica era in mano alle multinazionali farmaceutiche ed alimentari, anche molte università ne erano escluse a causa degli altissimi costi. Ora invece è possibile acquistare su internet kit di questa tecnologia al costo di soli 200 € e qualsiasi biologo competente o piccolo ateneo può avviare la propria sperimentazione.
Dimenticavo l’efficienza, con questa innovazione si è passati dal coltello da macellaio al bisturi, una tecnica genetica selettiva, precisa, efficace e rapida!
I risultati pratici non si sono fatti attendere. Negli stati uniti si sono già ottenuti funghi Champignon che non anneriscono nel tempo, ma è nella “libera” Cina che si è subito andati al dunque: sperimentazione su embrioni umani e realizzazione di maiali con una altissima percentuale di muscolo. Non a scopo alimentare, ma di compagnia, c’è in progetto (nel momento in cui scrivo) la realizzazione di maialini nani che possano vivere in appartamento.
Per non essere vigliaccamente di parte ricordo che, in questo momento, non sono pochi i genitori al capezzale dei loro figli che pregano perché questa nuova tecnologia possa aiutarli.
E’ una rivoluzione o forse soltanto una accelerazione.
Sono diecimila anni che l’uomo “domestica” gli esseri viventi. Sulla Terra esistevano solo i lupi e oggi vi sono centinaia di razze di cani; l’originaria pannocchia di mais era come la falange del dito mignolo, ma dapprima con le civiltà amerindie dell’America Centrale e poi con gli europei in qualche secolo è diventata il “siluro” che è oggi.
Solo la velocità è cambiata, ora il cavallo corre veloce verso Samarcanda!
Le parole dell’insonne Doudna: “ Non credo che CRISPR sia più rischiosa di molte altre tecniche che ci sono, ma il vero punto della questione è che oramai l’abbiamo scoperta e non possiamo tornare indietro e annullarla. Anche se volessimo fermarla ormai non potremmo. Possiamo solo chiederci come procedere responsabilmente.”
Il credo scientifico ha delle basi forti: onestà intellettuale, trasparenza verso il resto della comunità scientifica e verso la società, riproducibilità degli esperimenti. Negli ultimi secoli la scienza ha cambiato radicalmente il nostro vivere su questa Terra, ma è solo un credo. E’ solo un credo perché anche la scienza è fatta da esseri umani, gli stessi esseri umani che si identificano in fazioni religiose e squadre di calcio, gli stessi esseri umani che spettegolano in ufficio o che schiumano di rabbia quando, rinchiusi nel loro piccolo abitacolo, imprecano contro un altro automobilista. Anzi, alcuni scienziati, dall’alto del loro scetticismo razionale, possono avere la tentazione di sentirsi superiori a questa umanità meschina, ma proprio per questo ne fanno irrimediabilmente parte.
La stessa Doudna che da bambina deve aver passato lunghissime ed incantevoli ore ad osservare al microscopio le Meraviglie della Natura ora si angustia per la controversia sul brevetto della sua scoperta. Un collega cinese, ora un traditore, ha abilmente ottenuto il brevetto prima di lei, una controversia che forse durerà anni perché la burocrazia non è rapida ed efficiente come la tecnologia da lei scoperta.
Il potere degli Dei in mano ad una umanità bambina.

Dante Basili
Piandispino 8-04-2016

Per approfondire l’argomento:
In Italiano: Le Scienze N°572 Aprile 2016 dedica ben tre esaustivi articoli sull’argomento.
In inglese: fondamentale la pubblicazione di Doudna e Charpentier su Science, vol 346 n.6213, 28 novembre 2014 “The New Frontier of Genome Engineering with CRISPR-Cas9

Inoltre penso che sia importante la lettura di scienziati come Edward O. Wilson, il creatore della sociobiologia, che negli anni della sua maturità dedica tanto sforzo all’incontro fra la scienza e la spiritualità intrinseca nel genere umano: la nascita di un Nuovo Umanesimo come la definisce lui. Fondamentale il suo “La Creazione - Un appello per salvare la Vita sulla Terra” Adelphi edizioni.
Comments