SCUOLA TIANDIHE

Arti Marziali, Musica e Meditazione

Site logo

Unione di cielo e terra




Sep 2018
Jul 2018
Jun 2018
May 2018
Apr 2018
Nov 2017
Oct 2017
Sep 2017
Jun 2017
May 2017
Apr 2017
Feb 2017
Jan 2017
Dec 2016
Nov 2016
Oct 2016
Aug 2016
Apr 2016
Mar 2016
Feb 2016
Dec 2015
Oct 2015
Jul 2015
Jun 2015
May 2015
Apr 2015
Dec 2014
Nov 2014
Oct 2014
Jul 2014
Jun 2014
May 2014
Apr 2014
Jan 2014
Sep 2013
May 2013
Dec 2012
Feb 2012
Jul 2011

Indagine energetica LA PALPAZIONE

SI4-palpazione
La palpazione del punto SI4 Wan Gu è indicativa di problemi che riguardano collo, spalle e scapole

La Palpazione delle estremità degli arti, insieme ai punti Mu anteriori e Shu posteriori, sono il punto di incontro fra Shiatsu, Tuina, Agopuntura e Moxa. Infatti agopuntori cinesi come il Prof. Wang Juyi o giapponesi come il M. Shudo Denmei affermano che spesso dopo questa procedura il paziente si ritrova già in equilibrio energetico senza alcun bisogno di utilizzare gli aghi.
La Palpazione è quindi, contemporaneamente, sia indagine energetica che trattamento delle disarmonie, un repertorio antico di indicazioni pratiche che, come vedremo, è prezioso anche per l'uomo moderno.

Corso: otto domeniche mattina a cadenza mensile per un totale di 32 ore con attestato finale.

Programma:
Richiamo di indagine e trattamento dei punti Mu anteriori e Shu posteriori nello Shiatsu
Richiamo di indagine energetica di polso e lingua in MTC
Richiamo delle 15 emozioni associate ai cinque organi
Studio approfondito della Palpazione e trattamento con Shiatsu e Moxa dei dodici punti Yuan-sorgente delle estremità.
Indagine Energetica dell'addome secondo il Cielo Anteriore

Tutte le date e gli orari del corso di INDAGINE ENERGETICA

Dante Basili
Comments

LA SPECIE ALIENA

Earth_Moon

Il problema delle specie aliene che devastano in maniera irrimediabile interi habitat, ecosistemi che a volte necessitato di decine di migliaia di anni per formarsi, è oramai un problema globale. Uno degli ultimi arrivati in Europa è il gambero rosso della Louisiana, un vero e proprio flagello per l'ecosistema acquadulcicolo del vecchio continente. Ma la specie aliena che desta i maggiori allarmi è originaria dell'Africa subtropicale dove è sempre rimasta confinata fino a tempi relativamente recenti. La sua iniziale diffusione in Europa ed Asia ha portato alla totale estinzione le due specie affini ivi presenti, quindi si è diffusa in territori "vergini" come le Americhe, l'Australia e la Polinesia. Attualmente la sua diffusione è globale, anche in luoghi estremi come i ghiacci polari e le zone desertiche, senza comunque raggiungere in questi luoghi la proliferazione delle zone temperate. È un organismo di superficie, ma è stata segnalata la sua presenza anche in alta quota e, più sporadicamente, nelle profondità marine.
L'allarme è dato dall'impatto che questa specie ha sull'intero pianeta, che non ha precedenti nella storia della Terra. In passato le grandi estinzioni di massa, dei veri colli di bottiglia nel cammino della vita, si sono verificati per motivi climatici, geologici oppure, come nel caso dell'estinzione dei grandi rettili sessanta milioni di anni fa, da eventi extraterrestri come l'impatto di grossi meteoriti.
Ora invece è una singola specie che può determinare le sorti del pianeta e questo ha spinto gli scienziati a definire questa ultima era come Era Antropozoica, l'era dell'intervento umano.
Se la Terra è un organismo vivente, una Madre come dicevano gli antichi, allora il suo figlio Homo Sapiens è una specie aliena con una grande responsabilità.

(Nella foto il sistema Terra-Luna fotografato dalla sonda Galileo)

Dante Basili
Comments