SCUOLA TIANDIHE

Arti Marziali, Musica e Meditazione

arti marziali

Video Didattici



VIDEO DIDATTICI
DELLA SCUOLA TIANDIHE



Finalmente il video didattico di Bastone Shaolin in coppia, realizzato insieme al M°Murru Delio. Un condensato dei nostri trenta anni di studio e perfezionamento di questa sequenza che abbiamo studiato al tempio di Shaolin nel 1988. Allora veniva insegnata insieme alla Taolu “Shaolin Yin Shougun” bastone di Shaolin con le mani tenute ad Yin; allo scopo di tramandare oltre alle tecniche anche i principi applicativi del bastone. Oggi sembra che venga insegnata solo la Taolu senza la sequenza in coppia. Riteniamo quindi si tratti di una gemma preziosa e rara, dello Shaolin e di tutto il Gongfu.



Dal 2009 documento su YouTube i seminari e gli eventi della scuola Tiandihe con video sintetici e rappresentativi.
In archivio sono rimaste anche le riprese integrali di alcuni eventi, come ad esempio il il seminario di TANG LANG 14 Pugni, Cremona (con il M° Stefano Danesi) Giugno 2016; Il Seminario di TAIJI CHEN TUI SHOU I° Tui Shou tipici dello stile Chen - Aprile 2016, Il seminario di MCC La Moxa Novembre 2016 e l’evento SHOUBO E TAIJI IV° PARIGI Quarto incontro Internazionale di Parigi Dicembre 2014.

Per ricevere la lista completa del materiale in archivio scrivetemi
M° Dante Basili dante.basili@gmail.com

Comments

Dove essere colpiti



Quali sono le parti più sicure del corpo su cui ricevere un pugno o un calcio ben assestato?


main-thumb-315458153-50-vaxyqvcoffvpqnkowwvukdstcwmhhujw
Dante Basili, Istruttore di Arti marziali, musicista e saggista.
Ha risposto il 27 di marzo


Bellissima la risposta di Maurizio Levisani: “Fatti colpire in testa, non potrai peggiorare!” Happy
Però in un contesto di arti marziali la domanda può diventare interessante.
A parità di livello non si può vincere una partità a scacchi senza perdere alcun pezzo.
In uno scontro fisico limitato a calci e pugni le parti del corpo a cui “si può rinunciare” sono il muscolo pettorale, la spalla ed il gluteo e, più in generale, il lato esterno di braccia e gambe, come ad esempio gli avambracci. Anche in allenamenti di palestra si può scaricare con tecniche di mano all'altezza dei pettorali, ma naturalmente con il costato, il fegato, la milza, il plesso solare o la mandibola bisogna stare invece leggeri.
Coprire il viso con la spalla su una tecnica di pugno è una strategia di protezione molto utilizzata.
Per quanto riguarda i calci i glutei, come nel classico calcio nel sedere, possono assorbire forti urti. Già l'esterno coscia, così tanto usato negli incontri sportivi, accusa molto di più. Per non parlare dei genitali e dell'articolazione del ginocchio che può seriamente danneggiarsi con un calcio potente.
Anche nella difesa da armi da taglio vale la regola della parte esterna degli arti: meglio subire un taglio alla spalla che all' ascella, all'esterno avambraccio che all' interno del polso, all'esterno coscia che un taglio all'altezza della femorale.
È sempre una buona strategia di sopravvivenza deviare i colpi pericolosi verso le zone a cui si può rinunciare Happy

main-qimg-954a418ce8f71d9cc42ca7361b20f1b5
Quanto scritto si può sintetizzare, nelle arti marziali cinesi, con il detto: 保护内门 Bǎohù nèi mén, “proteggi la porta interna” e trova il suo archetipo nella posizione fetale: chiusura del delicato lato interno, yin, ed esposizione del più coriaceo lato esterno, yang.
Comments